Lettura profonda

21 Maggio 2020

Maryanne Wolf ha coniato un nuovo termine per qualcosa di molto antico.
Chiama “lettura profonda” una lettura riflessiva e sentita, che implica i processi cognitivi lenti e più impegnativi. 

Nella sua definizione, la lettura profonda fa riferimento a “quella gamma di processi sofisticati che conducono alla comprensione e che includono il ragionamento inferenziale e deduttivo, le abilità analogiche, l’analisi critica, la riflessione e il discernimento”. Immedesimarsi nei personaggi della storia, prendersi del tempo per costruire nell’immaginazione quei mondi in cui il protagonista si muove, e vivere sulla propria pelle le sue sventure: tutto questo è possibile attraverso il processo della lettura profonda. 

Secondo Wolf, le nuove generazioni devono certo padroneggiare la lettura digitale, rapida, a salti, ma se non sviluppano le abilità della lettura profonda, il rischio è quello di una perdita della dimensione riflessiva e dell’analisi critica. La soluzione che l’autrice propone è la bi-alfabetizzazione, che promuove sia l’abilità veicolata attraverso la carta, sia quella attraverso lo schermo.

amici di lettura

Klaus Conrad

Amico di Lettura

IBAN: IT 97 U 05018 01000 000017078205
Codice fiscale: 91034290014

SEGUITECI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy